CSE

La tecnica della spino-peridurale (CSE: spino-epidurale combinata) è la somma delle due tecniche fondamentali dei blocchi neuroassiali.

In pratica si procede come nella tecnica epidurale, ma una volta individuato lo spazio peridurale, nello stesso ago in cui poi si farà passare il cateterino, si fa passare un ago sottilissimo, che raggiunge lo spazio subaracnoideo (quindi tecnica spinale) e lì si inietta una prima dose di farmaco.
Quindi si sfila ago più piccolo, si fa passare il catetere, si rimuove l'ago, medicazione.

Il vantaggio di questa procedura è che la donna sente subito il beneficio antalgico, e con una dose di farmaco minima, inferiore a quella che si dovrebbe usare in peridurale.
L'ago con cui si oltrepassa volutamente la dura madre ha un calibro minimo, divarica le fibre senza tranciarle e non si corre il rischio di una cefalea postpuntura durale. 
Questa invece avviene qualora la dura madre (la membrana che avvolge tutto il midollo e contiene il liquor) venga trapassata dal più grosso ago in cui si fa passare il cateterino, che taglia le fibre della membrana e fa una vera e propria breccia, in conseguenza della quale si instaura un processo infiammatorio, che scatena il fastidiosissimo mal di testa.

Nessun commento:

Posta un commento